Skip to content

Certificazione parità di genere
UNI/PdR 125:2022

Scopri le opportunitá economiche per la tua organizzazione!

Vantaggi economici e nelle gare pubbliche

Il conseguimento della Certificazione della parità di genere consente, a qualsiasi impresa, di beneficiare di:

  • sgravio contributivo dell’1% annuo fino a un massimo di 50.000 €, ripetibile ogni anno, finché l’azienda rimarrà certificata;
  • in base a quanto stabilito dal nuovo codice degli appalti (Decreto Legge 29 maggio 2023 n. 57), alle aziende certificate vengono attribuiti maggiori punteggi nelle gare pubbliche;
  • migliori tassi di interesse per i finanziamenti sul sistema bancario;
  • numerosi contributi regionali o delle province autonome per i costi, sia della consulenza, che dell’ente certificatore (in alcuni casi, fino anche al 100%).

Perchè una nuova certificazione?

La parità di genere è uno dei 17 obiettivi fissati dall’ONU per lo sviluppo sostenibile (SDGs n.5) ed è il focus della Missione n.5 del PNRR italiano.

L’ottenimento della certificazione sulla parità di genere (PdR 125:2022) non è solo una pratica etica, ma un passo fondamentale per dimostrare l’impegno dell’azienda a garantire opportunità paritarie per tutti, a promuovere un equo trattamento dei collaboratori e delle collaboratrici a favorire una cultura organizzativa che abbraccia l’uguaglianza, generando fiducia tra i clienti, soggetti fornitori e investitori.

Ciò porterà presumibilmente nei prossimi anni un vantaggio competitivo a tutte le aziende che avranno certificato il proprio percorso in tal senso, sia nelle relazioni B2B cliente-fornitore, sia nelle relazioni con le pubbliche amministrazioni.

Affidati a Reggiani Consulting e ottieni tutti i vantaggi

della certificazione UNI/PdR 125:2022

I primi passi per certificarsi

1 - Verifica di fattibilità (Gratuita)
50%
2 - Accompagnamento all'ottenimento della certificazione
100%

Reggiani Consulting, con i propri partner, è a tua disposizione per una fase di verifica di fattibilità della certificazione gratuita. Successivamente accompagneremo la tua azienda all’ottenimento della certificazione, occupandoci di tutta la documentazione necessaria e trattando tutte le fasi formative necessarie all’azienda stessa.

Durata e mantenimento

Una volta ottenuta la certificazione sulla parità di genere, che dovrà rinnovarsi ogni tre anni, l’azienda avrà il dovere, negli anni, di mantenere i parametri minimi, che saranno periodicamente verificati dall’ente certificatore, attraverso le visite di sorveglianza annuali, che sono precedute da un audit interno preparatorio, con il nostro team di consulenti al tuo fianco.

Affidati a Reggiani Consulting e ottieni tutti i vantaggi

della certificazione UNI/PdR 125:2022

I sei indicatori chiave di prestazione (KPI)

Cultura e strategia

misura i principi e gli obiettivi d’inclusione e parità
di genere dell’organizzazione aziendale, in modo
che siano coerenti all’ambiente di lavoro.

Governance

rileva la maturità del modello di governance dell’organizzazione, definisce gli adeguati presidi
organizzativi e la presenza del genere di minoranza all’interno degli organi di indirizzo e controllo
dell’azienda.

Processi HR

valuta i principi di inclusione e rispetto delle diversità nel processo di selezione del personale.

Opportunitá di crescita e inclusione delle donne in azienda

per un percorso neutrale dei generi nella carriera aziendale.

Equità remunerativa per genere

stima l’equità delle remunerazioni e di welfare dei generi in azienda.

Tutela della genitorialità e conciliazione vita-lavoro

rileva gli aspetti relativi alle attività a supporto dei genitori e delle madri con figli.

Affidati a Reggiani Consulting e ottieni tutti i vantaggi

della certificazione UNI/PdR 125:2022

*Per saperne di più

-Il decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 152/2022 che definisce i parametri per conseguire la certificazione della
parità di genere si può leggere da: https://www.gazzettaufficiale.it/eli/gu/2022/07/01/152/sg/pdf; esso conferma che i parametri per il conseguimento della certificazione della parità di genere sono quelli già definiti dalla prassi di riferimento UNI/PdR 125:2022, del 16 marzo 2022, che contiene le “Linee guida sul sistema di gestione per la parità di genere che prevede l’adozione di specifici KPI (Key Performance Indicator)”. https://www.informazionefiscale.it/IMG/pdf/prassi-di-riferimento-unipdr-pdr100866103.pdb
-L’art. 2 del D.L. 29 maggio 2023 n. 57 stabilisce che: «Al fine di promuovere la parità di genere, le stazioni appaltanti prevedono nei bandi di gara, negli avvisi e negli inviti, il maggior punteggio da attribuire alle imprese per l’adozione di politiche tese al raggiungimento della parità di genere comprovata dal possesso della certificazione della parità di genere (…)».